ABBIAMO SVILUPPATO UN PROCESSO SOSTENIBILE PER TRASFORMARE AGRO RIFIUTI IN CELLULOSA E CHITINA

CELLULOSA

Polimero naturale principalmente estratto dagli alberi. Viene utilizzata in varie applicazioni industriali, come la produzione di carta e tessuti.

CHITINA

Biopolimero estratto da gusci di crostacei, come gamberi e granchi; si distingue per la sua robustezza e resistenza.
Trova applicazioni industriali nella produzione di bioplastiche e tessuti avanzati.

Cellulosa

Polimero naturale principalmente estratto dagli alberi. Viene utilizzata in varie applicazioni industriali, come la produzione di carta e tessuti.

CHITINA

Biopolimero estratto da gusci di crostacei, come gamberi e granchi; si distingue per la sua robustezza e resistenza. Trova applicazioni industriali nella produzione di bioplastiche e tessuti avanzati.

CONTEXT-DRIVEN

Rifiuti agroalimentari

Rifiuti agroalimentari

171 KG

rifiuti agroalimentari pro capite prodotti a livello europeo

Carta

Carta
0 %
RISORSE IDRICHE GLOBALI IMPIEGATE PER PRODURRE CARTA
0
ALBERI TAGLIATI OGNI MINUTO
0 %
RISORSE ENERGETICHE GLOBALI PER PRODURRE CARTA
150 milardi di metri quadri di foreste tagliate ogni anno

Plastica

Plastica

0
TONNELLATE DI PLASTICA NEGLI OCEANI OGNI ANNO
0 %
TONNELLATE DI PLASTICA NEGLI OCEANI OGNI ANNO
0
TONNELLATE DI PLASTICA NEGLI OCEANI OGNI ANNO
NEL 2030 CI SARà 1T DI PLASTICA PER OGNI 1T DI PESCI

ESISTONO ALTRI MODI PER PRODURRE QUESTI
PRODOTTI?

IL PROCESSO

Abbiamo ideato un processo innovativo per estrarre cellulosa da scarti agroalimentari, come birra e caffè, e chitina da gusci di gamberi utilizzando solventi (Deep Eutectic Solvents - DES). Da queste materie prime è possibile produrre carta e bioplastica totalmente green.

Il nostro processo promuove l’economia circolare: tradizionalmente viene utilizzato l’inceneritore per lo smaltimento dei rifiuti, con noi gli scarti vengono valorizzati.

Inoltre, è possibile ridurre sia i costi per lo smaltimento che l’impatto ambientale: infatti, con il metodo tradizionale vengono normalmente emessi in atmosfera 20 ppm di CO2, mentre con il nostro processo queste emissioni vengono ridotte del 70%.

Conoscevamo il problema di trovare fonti alternative di cellulosa e abbiamo ideato un processo che usasse i DES per estrarla da scarti ricchi di questa sostanza

Torna in alto